Prima di Roma-Barça : “Libertà per i prigionieri politici catalani”

 

Sit-in davanti alla Colonna di Traiano contro arresti in Spagna

 

Roma, (askanews)  10.04.2018  – Un sit-in a Roma, ai piedi della Colonna di Traiano nel foro romano per chiedere “Libertà per i prigionieri ed esiliati politici catalani”, a poche ore dalla partita di Champions League Roma-Barcellona. Un centinaio di persone ha innalzato striscioni a favore della democrazia e per la difesa dello stato di diritto in Spagna. I manifestanti hanno aperto anche un grande striscione con un laccio giallo, simbolo della solidarietà con i numerosi politici e leader della società civile catalana in prigione preventiva da mesi, e con quelli che hanno dovuto scegliere l’esilio per continuare la loro attività politica pacifica.

La manifestazione è stata organizzata dalle associazioni della società civile catalana Assemblea Nacional Catalana (Assemblea Nazionale Catalana- sezione italiana), la Penya Blaugrana di Roma, la Plataforma Pro Seleccions Esportives Catalanes, e l’Associazione “Catalans a Roma”.

http://www.askanews.it/video/2018/04/10/prima-di-roma-bar%c3%a7alibert%c3%a0-per-i-prigionieri-politici-catalani-20180410_video_18430968

 

Il Barça si schiera: “Referendum per l’indipendenza della Catalogna”

Il motto della casa, més que un club, è noto

 

 

Francesco Olivo    LaStampa
   6.05.2017
Il Barça è molto più che una società sportiva, le prove nella sua storia sono state molte. L’ultima è arrivata a poche ore dalla partita di campionato con il Villarreal: il Fútbol Club Barcelona si è schierato ufficialmente a fianco del “patto del referendum”, ovvero la mobilitazione guidata dalla Generalitat per chiedere al governo spagnolo di poter votare sul futuro della Catalogna, indipendenza o no?

 

Il comunicato della società blaugrana non può sorprendere, il movimento “soberanista” catalano è sempre stato supportato apertamente dal club di Messi e Neymar, ma la scelta non è certo neutra: il governo di Barcellona ha appena annunciato l’acquisto delle urne per un referendum che la Spagna ha già detto di non voler consentire, ma che le autorità locali hanno annunciato per Il prossimo settembre. Le possibilità che si voti non sono molte, certo avere Messi dalla propria parte non guasta.