Dopo un anno di crudeltà, l’ingiustizia continua

Assemblea_Logo_web-300x97

 

COMUNICATO: Dopo un anno di crudeltà, l’ingiustizia continua. Facciamo effettiva la Repubblica catalana

Oggi, ad un’anno della detenzione di Oriol Junqueras e Quim Forn, allora vicepresidente e ministro dell’Interno del Governo catalano, ancora rinchiusi in un centro penitenziario in custodia cautelare, e giusto oggi che si compie un anno di questa crudeltà abbiamo conosciuto l’imputazione presentata sia da parte della Procura spagnola – che accusa di ribellione e malversazione i prigionieri e prigioniere politiche con pene che arrivano a 25 anni di carcere e inabilitazione assoluta – così come dall’Avvocatura dello Stato. Oggi abbiamo anche saputo che la pubblica accusa chiede per Jordi Sànchez 17 anni di prigione e l’inabilitazione assoluta per il fatto di essere stato presidente dell’Assemblea Nazionale Catalana (ANC) quando ci fu il referendum di autodeterminazione l’1 di ottobre. Richiedono altresì 17 anni di prigione e inabilitazione assoluta per Carme Forcadell, presidenta del Parlamento ed ex presidenta dell’ANC, e 17 anni di prigione per Jordi Cuixart, presidente di Òmnium Cultural, l’ente con cui abbiamo lavorato insieme in tantissime occasioni.

 

Di fronte a questi fatti MANIFESTIAMO:

L’imputazione formulata è una dimostrazione che lo Stato spagnolo continua fermo nella repressione politica che si basa in fatti inventati, imputa delitti che non sono stati commessi e richiede pene estremamente grave. Ricordiamo che la Corte di Schleswig Holstein rifiutò i delitti di ribellione e sedizione per il presidente Carles Puigdemont, visto che considerò che non c’erano prove di violenza nei fatti per i quali era stata fatta la richiesta di estradizione.

 

Un processo politico proprio di regimi autoritari che evidenziano la non indipendenza dell’autorità giudiziaria e la sua implicazione in una azione di stato antidemocratica contro la libera espressione della dissidenza politica.

 

Nell’azione della Procura spagnola, che dipende dal Governo dello Stato spagnolo, si evince che non c’è stato nessun cambio di attitudine e continua a promuovere una operazione di persecuzione politica dell’indipendentismo che ha sempre agito politicamente, per vie democratiche e non-violente.

 

Di fronte a questa imputazione denunciamo questo processo antidemocratico, esigiamo una pronuncia di non luogo a procedere e l’archiviazione di tutti i procedimenti pendenti e, pertanto, la libertà di tutti gli imputati, così come il libero ritorno delle persone in esilio.

 

Denunciamo anche dinanzi alla comunità internazionale, e specialmente, davanti i popoli dell’Europa, la vulnerazione da parte dello Stato spagnolo dei diritti umani dei prigionieri e le prigioniere politiche imputati in questa causa e nell’insieme dei procedimenti aperti nei confronti della cittadinanza che violano i diritti fondamentali che garantiscono le libertà e la libera azione politica, la sovranità del Parlamento e l’azione dei deputati e le deputate in virtù del mandato che la cittadinanza gli ha dato nell’essere eletti. Dall’ANC ci impegniamo a denunciare ogni vulnerazione delle libertà e dei diritti dei cittadini a partecipare negli affari pubblici direttamente o tramite i loro rappresentanti liberamente eletti in elezioni per suffragio universale.

 

La falsità che rappresenta questo procedimento giudiziario, che va dalla custodia cautelare fino quella che sarà la sentenza di questo giudizio ingiusto, dimostra che solo riusciremo ad avere la libertà dei prigionieri e prigioniere politiche, le persone imputate ed in esilio, e stabilire uno stato di diritto dove si garantiscano le libertà e i diritti fondamentali, costruendo la Repubblica catalana.

Fare effettivo il mandato dell’1 di ottobre e consolidare la Repubblica catalana è quello che ci garantirà uno stato che rispetterà i diritti civili e politici di tutta la cittadinanza, compresa la dissidenza politica. Questo dimostra quanto è urgente che l’indipendentismo si dia una strategia unitaria congiunta per applicarlo. E facciamo pubblico che non ci fermeremo davanti a questa crudeltà, faremo una campagna di denuncia nazionale ed internazionale di questo “giudizio”, che includerà mobilitazioni simultanee non solo in Catalogna, ma anche nelle principali capitali europee.

 

Dobbiamo quindi iniziare un processo definitivo, per dire alto e chiaro, alla Spagna, all’Europa e al mondo, che il popolo della Catalogna non accetta e non accetterà oltre questa umiliazione e sottomissione ad uno stato demofobico. Abbiamo bisogno di tutta la sua forza e determinazione per accompagnarci nella mobilitazione costante per l’implementazione effettiva della nostra indipendenza.

 

Barcellona, 3.11.2018

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...