La Spagna e la Catalogna -intervento dell’ANC al Corriere della Sera

Il 17 febbraio di 2014 , il Corriere della Sera scriveva un articolo molto completo sulla volontà della Catalogna di decidere il suo futuro, accompagnato di una intervista al presidente del governo autonomo catalano, Artur Mas. L’ambasciatore spagnolo a Roma scriveva una replica al giornale. Il 23 febbraio, l’ANC rispondeva all’ambasciatore. Qui sotto, i links all’articolo del Corriere, e l’intervento dell’ANC.

Via da Madrid, il Sogno catalano «Non per Soldi, ma per Dignità, Corriere della Sera, 17.02.2014, http://archiviostorico.corriere.it/2014/febbraio/17/Via_Madrid_Sogno_catalano_Non_co_0_20140217_b68379b0-979c-11e3-9d91-25e51c2150f5.shtml

Il Presidente Mas: «È il futuro naturale di un’antica nazione», Corriere della Sera, 17.02.2014 http://archiviostorico.corriere.it/2014/febbraio/17/presidente_Mas_futuro_naturale_antica_co_0_20140217_c03b9154-979c-11e3-9d91-25e51c2150f5.shtml

Pochi giorni dopo, l’articolo dell’ambasciatore…

140218 Corriere_ambaixador

140223 ANC-Corriere

E questa, la replica dell’ANC Italia pubblicata il 23 febbraio.

A l’attenzione del signore direttore de Il Corriere della Sera

Egregio Direttore,per prima cosa vogliamo ringraziare Lei e il suo giornale per l’attenzione dedicata in questi giorni a quanto sta accadendo nella nostra terra, la Catalogna. Abbiamo letto con interesse l’intervista al Presidente Mas, l’articolo del vostro corrispondente Luigi Ippolito e la lettera dell’ambasciatore spagnolo Francisco Javier Elorza. In merito a quest’ultima ci farebbe piacere poter esprimere, da catalani residenti in Italia, un nostro punto di vista.

La Costituzione del 1978 è figlia della fase storica in cui fu approvata: essa ha rappresentato l’alternativa alla prosecuzione della dittatura con un regime militare ispirato al nazional‐cattolicesimo; pertanto era vista dai catalani ‐perseguitati dal franchismo ‐ come l’addio all’oscurantismo, alla repressione, alla paura. E’ in nome di ciò che si è accettata la proclamazione dell’indissolubilità della nazione spagnola, affiancando alla stessa – dato troppo spesso trascurato – il riconoscimento e la garanzia delle nazionalità storiche. Com’è stato sviluppato, concretamente, questo principio costituzionale, volto a ricercare un punto di equilibrio tra unità e diversità?

Lo Stato spagnolo ha costantemente preteso di omogeneizzare e “castiglianizzare” il sistema. La sua costante strategia è stata rivolta a vedere nella plurinazionalità un nemico da combattere anziché una risorsa da valorizzare. Una tendenza aggravatasi con i governi popolari guidati da Aznar. Tutto ciò ha spinto una larga parte della società civile catalana – ben prima dei partiti – a mobilitarsi massicciamente contro questo stato di cose.

Nel corso della storia, la Catalogna ha sempre preteso il rispetto della sua diversità istituzionale, linguistica, culturale. È vero che la guerra del 1714 fu una guerra di successione e non una lotta fra la Catalogna e la Spagna. Ma è anche vero che fu uno scontro tra due modelli di Stato. Purtroppo vinse quello francese (centralista, assolutista e giacobino) e, con il “Decreto di Nuova Pianta”, furono soppresse le nostre istituzioni e leggi e fu vietato l’uso pubblico della nostra lingua. I successivi 300 anni sono stati ancora, per i catalani, un succedersi di divieti, persecuzioni, bombardamenti, repressione.

Esiste, naturalmente, anche un problema economico. Per confutare, su questo piano, gli argomenti e i numeri dell’ambasciatore basta ricordare che, dopo anni di attesa, il governo Zapatero pubblicò i dati economici di quello che la Catalogna apporta e riceve dallo Stato: il risultato era comunque un saldo negativo per i catalani di 10.8 / 14.8 miliardi dieuro annui (metodo monetario/beneficio). Si tratta di dati ufficiali, pubblicati dal Ministero spagnolo dell’Economia, elaborati in conformità con metodi consolidati. Non si comprende, pertanto, come l’ambasciatore possa ritenersi depositario di dati diversi e “veri”, come sembrerebbe suggerire il titolo della sua lettera..

In ogni caso, se le cose stanno davvero nei termini prospettati dall’ambasciatore; se lo Stato spagnolo ha dalla sua parte la Costituzione, la legalità, l’Europa, la democrazia; se i problemi legati al trattamento che riceve la Catalogna sul piano del rispetto della sua identità sono soltanto fantasie; se i dati economici riflettono un sistema finanziario equo; se tutto questo è vero, che paura c’è di farci votare, come il Governo britannico consentirà di fare agli scozzesi?

Vogliamo votare, per difendere la nostra identità, la nostra cultura, la nostra storia. Per decidere democraticamente del nostro futuro.

Grazie tante per la sua attenzione,

Assemblea Nazionale Catalana ‐ Assemblea Estera Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...